Di cosa parla questo articolo?

Oltre 5,3 miliardi di euro investiti nel 2010

La promozione, quarta P del marketing mix, ha confini in continua espansione. Infatti per promuovere il proprio prodotto/servizio ci sono forme ed aspetti della comunicazione sempre nuovi, originali e meglio profilate per target di quelli tradizionali.

Ogni giorno, infatti, ci misuriamo con forme ed aspetti del marketing che interagiscono con noi e, inevitabilmente, influenzano la nostra vita e le nostre scelte. La pubblicità online costituisce, senz’altro, una delle espressioni del marketing più importanti e potenti di oggi.

Ma cosa si intende con pubblicità online?

La pubblicità online non è affatto uno strumento nuovo. Iniziata attraverso comunicazioni prima generiche e indistinte (i banner, ad esempio), si è poi trasformata in messaggi qualitativamente sempre più contestualizzati e specifici, in linea con i contenuti della pagina web sulla quale sono pubblicati. Ad oggi, si è decisamente evoluta, andando ad approdare a forme di comunicazione sempre più mirate a target specifici e maggiormente interessati al contenuto dei messaggi inoltrati.

Questo tipo di pubblicità riguarda tutto quello che è comunicazione e che viene veicolato sfruttando il canale web: dal web marketing al SEO, dai link sponsorizzati ai social advertising.

Alcuni strumenti possono essere più generici, rivolgendosi ad un pubblico ampio e indistinto; altri, invece, garantiscono una profilazione del target molto più precisa, come l’email marketing o i link sponsorizzati per Google e Facebook.

Le imprese scelgono sempre di più il canale internet per la promozione, lo dimostrano i dati raccolti da Nielsen nei primi 8 mesi del 2010. Gli investimenti pubblicitari sono cresciuti del +4,8% rispetto al 2009 superando i 5,3 miliardi di Euro. Aumenta il numero di inserzionisti pubblicitari, in particolare su internet (+27,4%), in particolare è da segnalare il trend positivo del direct mail (+5,7%). [Dati Nielsen, gen-ago 2010]

La continua crescita tecnologica e le veloci trasformazioni dell’industria mediatica  contribuiscono a spostare costantemente i limiti della pubblicità online e ad accrescerne le potenzialità. L’investitore, da parte sua, ha la possibilità di scegliere tra un ampio ventaglio di opzioni, quella che meglio si adatta alle sue esigenze strategiche.

Secondo Paolo Duranti, Managing Director di Nielsen Media, nonostante la battuta d’arresto avuta con la crisi economica del 2008,  il mondo dei media è molto dinamico e gode di buona salute. Con riferimento ai settori, invece, si è rilevata una modifica consistente del media mix di strumenti che cercano di ottimizzare i propri investimenti sperimentando media diversi.

Proprio a proposito dell’andamento dei mezzi Duranti sottolinea che: “ i nuovi media daranno un grande contributo alla crescita dell’advertising, non solo il web ma anche le tv digitali, le satellitari e il direct mail”, restando comunque importante la presenza dei media tradizionali.

Quindi, i dati sono positivi, le possibilità di adattare la strategia alle proprie esigenze è concreta, non resta che valutare le possibili opportunità e scegliere la migliore per il proprio caso! E’ sempre consigliabile considerare il parere di un professionista del settore che conosce le dinamiche di queste operazioni.